We are rich but we don’t know it_Semu ricchi e unnu sapemu

Sicilia fa rima con felicità.

Famiglia, amici, sole, mare e cibo buono. Cieli brillanti, pietre dorate, vento fresco, palme verdi e prati arsi. Nonne amuruse, cugini piccoli sempre più grandi e amici che assicurano sempre una sana risata.

Metti poi una giornata fuori porta, alla scoperta di una Sicilia ancora sconosciuta, con una buona compagnia e la formula della felicità è assicurata.

Chi? Io, Federica, Angelica, Salvatore, Giancarlo e Alessio…la squadra già testata per ferragosto, ottima.

0147cf313b6017e124ca572a142c95939f236dd0e7

Dove? Sambuca di Sicilia…piccolo borghetto dell’entroterra agrigentino eletto borgo dei borghi 2016.

Si parte martedì mattina, orario comodo e se non dopo una meravigliosa colazione al bar a base di sfogliatelle alla ricotta e caffè. Sotto l’attenta sorveglianza di Alessio (uomini che non si fidano delle donne al volante -_-), Angelica è la nostra autista d’eccezione, con un “jeeppino” sette posti, sulle note del cd dei grandi successi anni 70/80 di suo padre, ci porta a zonzo per l’agrigentino.

Il bello di viaggiare in macchina da passeggero è godersi il paesaggio. Percorriamo una delle strade che ho imparato ad amare in questi anni di via vai verso gli aeroporti siciliani, quella verso Trapani. Provo a descrivertela, chiudi gli occhi e seguimi: scivoli verso nord-ovest, costeggiando il Mediterraneo. Attraversi la rotonda Giunone, vigilata dall’alto dalla Valle dei Templi. Più avanti sulla sinistra c’è la casa di Pirandello. Corri sotto il cupolino del duomo di Siculiana e dopo poco ti lasci guardare da due meravigliosi casali in pietra sulla cime di una collina ricoperta di uliveti. Superi la zona di Giallonardo e Torre Salsa, che riconosci per i fianchi delle montagne i cui sali brillano al sole e il mare sta lì in fondo , fermo, azzurrissimo e calmo. Arrivi a Ribera e verdi e scuri aranceti prendono il sole ai lati della strada. Imbocchi l’uscita per Sciacca, ti lasci il mare alle spalle e vieni inghiottito dalla campagna siciliana. Si alternano terre scure e campi verdi. Vedi alcuni uomini nei vigneti intenti a prendersene cura e la luce ti acceca.

Respira e sorridi, un paradiso si stende ai tuoi piedi. Ti sei innamorato anche tu di questo percorso? Certo che si, che domande!!!??? Ora continuo a parlarti della gita…

01aea870d287a29638bfa993a80bf2e4ddc5fb460f

Primo stop al Lago Arancio. Il mio primo lago in Sicilia. E’ un bacino d’acqua artificiale abbracciato da colline verdi, non troppe alte. Una passerella con un casotto all’estremità sta in piedi sull’acqua. Spartana e affascinante. Amo quei manufatti dell’uomo che si inseriscono nella natura con disinvoltura e gentilezza. E’ come se fossero sempre state lì. Come se quel posto li avesse generati naturalmente. Ci guardiamo intorno. Verde e uccelli bianchi sul pelo dell’acqua. Risate come colonna sonora e una frase ricorrente:“semu ricchi e unnu sapemu” che, per chi non lo sapesse, significa “siamo ricchi e non lo sappiamo”. Quanta bellezza intorno a noi, forse troppa bellezza, che a pensarci meglio è immeritata!!! Ma ce la siamo goduta ugualmente!!!

Arrivati a Sambuca, percorriamo le viuzze del quartiere saraceno. Assistiamo ai preparativi del presepe vivente. C’erano le pecorelle, gli asinelli (Angelica in estasi) e le galline. Tra le viuzze ogni casa aveva il suo nome siciliano e arabo, casa del ciuciuliu, casa dell’arricriu, tanto per citarne alcuni. Ogni tanto trovavamo il portone di qualche palazzo aperto e scoprivamo bellissime corti. Il tufo giallo è la pietra padrona del paese. Doratissima sotto il sole di dicembre, fa del borgo un quadro dorato, rinfrescato dal cielo brillantissimo e dai rampicanti e gli alberi di mandarino per le strade.

013dd0af714c91dbae73c0838dc2bb0e0777082122     01fbaa1fe012a0cea757528b45cdb6ba0597882b7f

Risalito il corso principale, arriviamo in una piazza aperta che domina il borgo dall’alto e che guarda da tutti i lati la campagna, che scende ripida intorno a lei. Foto a gogo, Federica e Giancarlo hanno ormai il prebook del matrimonio (ah ah ah) e selfie a mai finire.

01cbbca9a08d426ec84d655ea517c0f7707031729d.jpg

   01101f101102b03f3e42bd1318ed2e43aa5494ff92.jpg

Poi la fame ha incominciato a farsi sentire prepotente. Troviamo un posto carinissimo appena fuori il paese. Cibo meraviglioso e che sapeva di casa. Abbiamo avuto qualche problemino con le porzioni, enormi, ma siamo sopravvissuti con soddisfazione: antipasto rustico di ricotta fresca, caponata, peperoni arrosto, frittate miste, trippa al sugo, formaggi semi stagionati e salumi; primi misti come i busiati con gamberoni e pesto di mandorle e pistacchio, risotto radicchio e speck, pappardelle e ravioli alla cernia; vino buonissimo; amaro per digerire e cheesecake artigianale per concludere (che gioia stare in Sicilia). Insomma siamo stati a tavola per ore senza nemmeno accorgercene, riscaldati dal sole oltre la vetrata.

01cacf434244278e785bbce8e8146f7480d83b7158

Alla fine il titolare, gentilissimo e cordiale, ci suggerisce di vedere il presepe vivente di Contessa, un altro piccolo paesino lì nei dintorni. Avventurandoci campagne campagne, scopriamo uno tramonto bellissimo. Un cielo rossissimo su colline nere, morbide e silenziose ci ha accompagnato fino a destinazione.

018686f555ef5bafd4b07f66b5ee3114e3878e8570

Fatti i conti con stradine troppo strette per il jeeppino di Angelica, parcheggiamo  e scopriamo questo luogo, mai sentito nemmeno nominare prima, ma molto carino e immerso in una bella atmosfera. Concludiamo il giro assaggiando spingiuna, muffulette con la ricotta (quelle che facciamo noi a Favara sono più buone) e formaggio fresco.

01d868cc304dad2a0ccea13da1b9f99361befb1363.jpg

Stanchi e un po’ appesantiti ci rimettiamo in macchina e dopo qualche incertezza su quale fosse la strada giusta del ritorno, decidiamo di fare uno stop in aperta campagna completamente immersi nella notte, per ammirare un cielo stellato che è impossibile goderselo in città. Insomma magia. Con il naso all’insù, Salvatore ci ha da Cicerone astronomico mostrandoci Venere, il Carro Maggiore e Minore e la Via Lattea e qualche altra stella di cui ho già dimenticato il nome (memoria da criceto la mia).

Insomma sono rientrata a casa felice. Abbiamo visto una piccola parte di Sicilia nascosta e sconosciuta e ci siamo riproposti di ripetere l’esperienza, alla volta di qualche altra bellezza siciliana, le prossime volte che saremo di nuovo tutti in terra sicula.

Ho passato ore con un gruppo di amici bellissimo. Diversissimi tra di noi, ma amalgamati alla perfezione!!!

Dovremmo tutti tenere a memoria i giorni in cui si realizza di essere felici e fortunati: gli amici che ridono, la campagna fuori dal finestrino, il cielo sereno e il sole che ti scalda la vita…

…Semu ricchi e unnu sapemu!!!

 

Ps. Per chi volesse fare un salto a Sambuta di Sicilia e poi mangiare bene come abbiamo fattoo noi, vi metto il link del ristorante dove siamo stati, “l’Antico mulino”:

https://www.tripadvisor.it/Restaurant_Review-g2533492-d4582830-Reviews-Antico_Mulino-Sambuca_di_Sicilia_Province_of_Agrigento_Sicily.html

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...