Giorno #4 | Mi faccio una risata e vado avanti

17/02/2017 | Oggi risveglio condito con malinconia e nervosismo. Vi ho detto dell’ultima puttanata sparatami dalla coinquilina lunatica ieri sera?! Bene! Non è che mi abbia proprio fatto fare sogni tranquilli, quindi la mia partenza oggi è stata un po’ sottotono.

Con il pensiero fisso del come uscire da questa situazione, ho bevuto il mio bicchierone di acqua, zenzero e limone, fatto gli addominali, doccia, vestita e colazione. Stamattina di nuovo colazione con yogurt veg di cocco, lamponi, nocciole e semi di chia.

018fca0659fd9d1ca6d5d98b395b4c9e21bb5838ae

Esco di casa per le 8.  Un po’ scazzata, mi incammino verso il lavoro e nelle orecchie la mia immancabile Radio Deejay. Per fortuna che esiste. A quell’ora c’è Fabio Volo (in Italia son le ore 9) e comincio a farmi delle risate che ad un certo punto mi scendono pure le lacrime (spero abbiate sentito la telefonata della tipa che viene presa a pisellate in faccia dal marito, da mal di pancia). Così a poco a poco la giornata inizia a cambiare colore, ma in senso metaforico, perchè qui il cielo la mattina sempre bianco è -_-. Continuo però a ripensare al fatto che devo trovare un’altra casa il prima possibile, che non posso spendere 800 euro per una stanza e che spero qualcuno risponda alla dozzina di email inviate ieri sera. Il problema delle case a Dublino è estremamente serio, c’è un’altissima domanda, poca disponibilità e prezzi che partono dai 600 euro per una singola fino ad arriva anche a 1400, se non di più, per una matrimoniale. E’ da perdere il senno.

Aaahhh!!! Dimenticavo di dirvi che ogni mattina attraverso uno dei luoghi più conosciuti di Dublino, Gran Canal Dock, famoso perchè in questi ultimi anni è stato interessato da una riqualificazione urbanistica impressionante ed è lì e nei suoi paraggi che hanno sede le maggiori compagnie internazionali che stanno facendo la fortuna di questa città. E molto bello perchè è un grande bacino d’acqua, in passato utilizzato a fini commerciali credo, ed è dominato in fondo dal Bord Gáis Energy Theatre, teatro enorme progettato da Libeskind.

0197a13077d5e6257c11ce8a333d3268ac3e900c98

Sinceramente di per se l’architettura non mi piace ma nel complesso, con i palazzi vetrati intorno, l’acqua, le aiuole veri e i grandi pali rossi conficcati nella pavimentazione l’effetto è veramente bello. In ogni caso quello che volevo dirvi è che tutte le mattine attraversando Canal Dock, passo davanti agli studi di registrazione degli U2, e sto sempre lì a guardarmi intorno nella speranza di imbattermi in Bono :D.

01c49552321e155e259cea6d56baa598ecb7c73751

Arrivo in ufficio in 40 minuti  esatti e 182 kcal perse. Giungo alla mia postazione e trovo quella benedetta donna di Patricia, la mia collega. Cosa mi ha portato oggi? Per fortuna nessuna cioccolato, ma due stecche di capsule nespresso, una aromatizzata alla vaniglia e l’altra al caramello.  Visto che in un ufficio abbiamo le macchinette nespresso ma con le capsule tarocche, ogni tanto vado a comprarmi le originali, e lei tenera com’è, stamattina me leha portate lei! Io l’adoro! Poi è carinissima perchè insieme al il mio capo, prende lezioni d’italiano e ogni giorno mi accoglie con uno dei buon giorni più belli e dolci che qualcuno possa pronunciare. Così con una bella tazza di caffè profumato al  caramello tra le mani, gli racconto della vicenda di ieri con la mia coinquilina, e inaspettatamente inizio a farlo ridendo! Perchè a pensarci, una volta superato il fatto di quanto sia assurdo, questa situazione è estremamente comica e senza senso. E’ bello comunque notare come il circondarsi di belle persone e i piccoli gesti inaspettati possano tirarti su di morale e spingerti ad affrontare tutto con il sorriso.

Break con tisana detox alle 11, poi finalmente si fa ora di pranzo e il giovedì significa corso di yoga. Dovete saper che a Dublino la gente fa qualsiasi cosa in pausa pranzo. Palestra, yoga, corsa, camminata ecc. Diciamo che non gliene frega assolutamente nulla del pranzo, se non una cosetta mangiata al volo. Sinceramente la cosa ora non mi sta dispiacendo, perchè in questo modo riesco a spezzare bene sia la giornata che la settimana, con un’attività morbida ma che fa benissimo alla postura e alla muscolatura. Così tutti giovedì all’1 usciamo dal nostro palazzo e ci infiliamo in quello accanto. Anche questo è la sede di tantissimi uffici, e generalmente ogni settimana ha delle sale meeting libere che noi trasformiamo in una piccola sala yoga, gisto per un’oretta.

Non ho capito veramente le potenzialità di una seduta di yoga prima di oggi (la mia quarta lezione). Sarà stato che ero particolarmente predisposta mentalmente, ma mi sono completamente lasciata andare, mi sono concentrata veramente sul mio respiro e ho sciolto il corpo. Vi consiglio di provarlo. E faticoso a tratti, perchè tendi a mettere in tensione e in connessione parti del corpo che generalmente non interagiscono, e come dice la mia insegnante  “facciamo spazio” nella schiena, nel bacino, nel gambe, tra le dita delle mani ecc. Insomma ovunque.

Rientro in ufficio e mi godo il mio pranzetto. Ieri sera mi sono preparata un’insalata di zucchine affettate sottilissime messe a marinare con olio, limone e aglio, foglioline d’insalata e il top del top, fettone di zucca al forno, con semi di lino, sesamo e rosmarino, fatte ieri sera sfruttando il forno acceso. Due fettine del mio pane integrale e una bella arancia biologica e si riparte. Mi rimetto al computer e riesco a rimediare una viewing per una casa nello stesso quartiere in cui abito attualmente. Vedi che poi le cose prendono la piega giusta?!

Fine giornata, esco da lavoro con una particolare fierezza nel cuore, perchè ad un certo punto oggi pomeriggio, un’altra collega tira fuori un pacco di biscotti Oreo e lo offre a noi vicine di scrivania. Lì per lì stavo per non accettare, poi pareva brutto e ne ho preso uno. Ma signori miei NON L’HO MANGIATO, ho resistito, l’ho poggiato lì e lì è rimasto. Adriano dice che sarà colpa mia se questo fine settimana pioverà :D.

Vado a vedere la stanza, molto carina e dopodichè rientro a casa. Sento un amico, Edoardo, il qualche sta cercando anche lui una nuova casa, e chiacchieriamo sulla possibilità  trovarne una insieme e gli racconto la barzelletta di ieri sera , e anche lì mi sconquasso dalle risate e arriviamo alla conclusione che da adesso in poi, quando mi servirà il fuoco per cucinare, appicco un fuoco davanti casa e faccio tutto alla brace, rustico no?! 😀

Mi godo la mia cena in serenità, visto che la strega non era ancora ritornata, e prendendo ispirazione da un video che la mia amica Angelica ha mandato a me e Federica, mi preparo delle fettine di tofu, prima marinato in salsa di soia e poi impanato con un mix di farina integrale, semi di lino, sesamo e noci tritate, accompagnato da insalata di peperoni, cipolle appena abbrustolite in padella e il mio pane. Direi niente male.

01e14b0a319a28b115c10e2e143f6dd85c8e3181c4

In questi ultimi giorni, tra noi del “Trio esaurito” è saltato spesso l’argomento tofu, e io e Angy abbiamo intrapreso una campagna per convincere Fede a dare una possibilità al tofu, ma niente da fare.

Concludo la serata con mela e cannella e una bella camomilla. Adesso mi sono infilata a letto e sto sognando il momento in cui mi abbandono al sonno, visto la nottataccia di ieri. Qundi signori ci si sente domani, che so già sarà il giorno più duro della settimana, Venerdì. Riuscirò a resistere alle voglia di dolce e agli attacchi di fame assassini!!!??? Bo! Speriamo!!!

 

 

Annunci

2 thoughts on “Giorno #4 | Mi faccio una risata e vado avanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...